All for Joomla All for Webmasters

associazione culturale étant donnés aps

l'associazione

About us

Scarica il CV dell'Associazione

L’associazione culturale étant donnés, fondata nel 2004 per la diffusione e la divulgazione dell’arte contemporanea e del patrimonio artistico, ha incrementato negli anni l’attività pedagogica e metodologica rivolta a bambini e ragazzi, al fine di avvicinare ai linguaggi dell’arte, alla fruizione del patrimonio artistico e del museo, favorire la creatività nei giovani e all’aggiornamento dei docenti.


Attraverso progetti in collaborazione con scuole, università e musei (finanziati e autofinanziati) attivati presso istituzioni scolastiche e anche in partenariato con altre associazioni, ha condotto una sistematica “alfabetizzazione” ai linguaggi artistici e un avvicinamento al patrimonio culturale.
Ha attivi accordi triennali di tirocinio e orientamento con l’Università Federico II di Napoli (prot. 21872 del 04/03/2019) e con l’Accademia di Belle Arti di Napoli (Reg. conv. 2021 nr. 1 del 07/01/20219) ed è iscritta nel registro delle associazioni di promozione sociale Regione Campania con D. D. n. 882 del 29/09/2021.
È presente in varie iniziative finanziate con fondi europei POR (POR CAMPANIA FSE 2014-2020 – ASSE II OBIETTIVO SPECIFICO 6 AZIONE 9.1.2 - OBIETTIVO SPECIFICO 11 - AZIONE 9.6.5 “Scuola di Comunità” e P.O.R. Campania FSE 2014-2020 - Obiettivo specifico 12 - Avviso pubblico “Scuola Viva”) misure rivolte soprattutto ad allievi con fragilità di apprendimento o provenienti da condizioni di povertà educativa oltre che economica.


Ha realizzato diversi progetti in ambito PON FSE (10.2 Miglioramento delle competenze chiave degli allievi- Apprendimento e socialità – Educazione al Patrimonio artistico, culturale e paesaggistico – Inclusione sociale e lotta al disagio - Competenze chiave degli allievi Azioni specifiche per la scuola dell’infanzia - La scuola al centro - Misure di accompagnamento 2015-16 Certificazione delle competenze - Obiettivo/Azione F3 Realizzazioni di prototipi di azioni educative in arre di grave esclusione sociale e culturale, anche attraverso la valorizzazione di reti esistenti - Obiettivo C Azione C.3 Leg(a)li al Sud : un progetto per la Legalità in ogni scuola).
Ha attivato progetti con scuole di scuole in rete, con la partecipazione di vari musei come sede espositiva degli elaborati. Significativa è stata l’esperienza di quattro scuole, situate in quartieri periferici e caratterizzati da mancanza di spazi aggregativi e opportunità di crescita culturale, che hanno condiviso il modulo “La piantagione dei bambini. La scultura sociale di Joseph Beuys come mito e esperienza creativa” con una mostra durata oltre un mese, da novembre 2019 a febbraio 2020, nella Certosa e Museo di San Martino a Napoli.
Dedicata al lavoro di Joseph Beuys, artista tedesco attivo nella seconda metà del scorso che concepiva l’arte come impegno sociale, soprattutto ecologista e ambientale, gli allievi si sono confrontati con un concetto di “arte ampliata” alla sfera dell’azione, del comportamento individuale e alla responsabilità di ciascuno verso il proprio contesto di riferimento.
Negli ultimi anni ha implementato il progetto “Bambini e Musei cittadini a regola d’arte” (dopo varie iniziative stabili e annuali tra cui Obiettivo Museo adottato tra il 2010 e il 2016 da molte scuole) attraverso il quale gli allievi reinterpretano, in maniera partecipata e attiva, opere presenti nelle collezioni museali.
L’iniziativa è stata oggetto di un convegno all’Università degli Studi di Napoli “Federico II” nell’aprile 2019, presso il Dipartimento di Studi Umanistici, dal titolo “Bambini e Musei – Metodologie didattiche per una pedagogia del patrimonio” con la partecipazione, tra gli altri, del Prof. Marco Dallari, pedagogista dell’Università di Trento e funzionari dei servizi educativi di vari musei.
L’esperienza è stata riportata in un libro di recente pubblicazione dal titolo “Bambini e Musei – cittadini a regola d’arte” a cura di Luigi Filadoro edito da IlmondodiSuk (I edizione ottobre 2020 ISBN 978-88-96158-17-3).
Nel 2020, ha editato due guide editoriali, sostenute con i fondi Otto per Mille della Tavola Valdese, che illustrano e raccontano, anche con una stop animation realizzata con i disegni dei bambini e dei ragazzi, la Certosa e il Museo di San Martino e il Museo Civico Gaetano Filangieri.
Dal 2021 l’associazione edita la rivista Bambini e Musei cittadini a regola d’arte Magazine
(iscr. Tribunale di Napoli n 37 del 16/07/2021) distribuita gratuitamente sul territorio nazionale attraverso una rete di musei/scuole/librerie presentata in anteprima nazionale a Castel Sant’Elmo di Napoli il 21 dicembre 2021.

Progettazione percorsi e laboratori

Luigi Filadoro


Luigi Filadoro ha cominciato ad esporre dal 1989. Dalla prima mostra nello storico City Hall di Napoli fino a “Somiglianza del dissimile” del 2005 realizzata con la Soprintendenza BAP PSAE di Napoli e provincia nella Chiesa dell’Incoronata a Napoli, lavora alla “rielaborazione di codici visivi - apparentemente già dati- attraverso strumenti combinatori che spaziano dalla matematica alla letteratura” tracciando percorsi che si muovono in una prospettiva di partecipazione e di processo.


Nel 2004 fonda l’associazione culturale étant donnés per la divulgazione di tematiche e figure dell’arte contemporanea presente in numerose scuole di Napoli e della provincia con “Obiettivo Museo” progetto didattico e laboratorio annuale rivolto ad alunni e docenti e collabora con vari musei per mostre didattiche che avvicinano gli allievi, già dalla scuola primaria, alle tematiche dell’arte contemporanea e ai beni culturali. Conduce da anni una ricerca che incrocia i saperi dell’arte con gli strumenti della pedagogia, in collaborazione e con la consulenza tecnico scientifica di varie Università di Napoli.


Nel 2017 ha organizzato la VI edizione di Obiettivo Museo dedicata a Joseph Beuys presso la Collezione Farnese del Museo MANN di Napoli dal titolo “Assemblaggi creativi” con la partecipazione di 10 scuole in rete e di oltre 600 allievi.

Antonella Cantiello


Classe 1994, avvia gli studi presso un istituto tecnico per geometri e fin a subito mostra particolare attenzione a quelle che sono le attività pratiche e manuali. Gli studi universitari iniziano in un campo ben diverso, quello della storia, dell’arte e dell’archeologia: da qui la passione per la scoperta e per tutto quello che l’individuo si è lasciato alle spalle nel corso dei secoli, oramai sepolto. Importanti campagne di scavo nel casertano e nel parco archeologico di Pompei, brevi ma intense esperienze a contatto con il pubblico nelle attività organizzate dall’università.


Da Caserta ci spostiamo a Napoli dove prosegue il percorso universitario questa volta però, sotto un punto di vista più gestionale e amministrativo: il ciclo si chiude con Management del patrimonio culturale. Il percorso formativo magistrale le offre la possibilità di studiare all’estero, in Spagna, attraverso la formula dell’Erasmus. Al rientro riprende le normali attività, sempre più interessata alle infinite porte che Napoli con la sua università, può offrire. La strada è ben chiara: inserirsi nei circuititi didattici per poter aver un costante approccio con bambini e ragazzi.

Gloria Savino


Gloria Savino manifesta la sua passione per l’arte e le attività artistiche sin dalla tenera età, vincitrice della medaglia d’oro al concorso regionale, arte per la legalità per le scuole medie.
Avvia il suo percorso di formazione presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli, all’indirizzo arti sceniche.
Giovane laureanda comincia subito a lavorare come scenografa per diversi anni, in questo periodo affina le sue doti artistiche e il suo stile.


La voglia di cambiare, di non restare fermi e di cimentarsi sempre in nuove sfide la portano nuovamente ad affrontare un diverso percorso formativo.

Laureata con il massimo dei voti alla facoltà di Design per l’innovazione, intraprenderà un progetto per l’ottenimento di un double degree presso il BIFT di Pechino, all’indirizzo Fashion Technology.
L’esperienza oltreoceano è stata fonte di ispirazione come artista e di formazione come professionista.
L’influenza di una cultura opposta e diversa sotto tutti i punti di vista ha lasciato un segno indelebile nel suo modo di essere artista.
Da sempre collabora con enti benefici per la formazione di bambini e giovani, dall’ ACR a collaborazioni con associazioni scolastiche, da qui si avvicina all'ambito dell’educazione e della mediazione artistica.
Ritiene fondamentale l’educazione attraverso l’arte, che è in grado di fornire strumenti concreti di conoscenza e di utilizzo del linguaggio contemporaneo, soprattutto supporto e metodi alternativi di educazione a chi è in difficoltà.



La sua collaborazione con l’associazione culturale étant donnés è motivo di crescita personale, professionale e arricchimento umano.

Scopri

TUTTI I PROGETTI

associazione culturale étant donnés

Via Tasso 175/ Bis, IS. C 1
80127 Napoli

newsletter

Resta informato sulle nostre attività, iscriviti alla newsletter


facebook_page_plugin
facebook_page_plugin